Diario di viaggio: Sud-Est Asiatico Su Due Ruote (Quinta Parte)

Ed eccoci qui in terra cambogiana a sfrecciare sulle sue strade che lasciano intravedere alcune
differenze rispetto a quelle a noi già note. Passato il confine proseguiamo sull’ Asian Highway che
qui si chiama semplicemente “1”, e non AH1 come in Vietnam. Notiamo sin dall’inizio
innumerevoli cartelloni pubblicitari con su scritto “People’s party”, ogni pochi chilometri si
susseguono questi messaggi di propaganda di partito, forse anche qui l’unico ma non lo sappiamo e
non ce ne preoccupiamo più di tanto. In aggiunta notiamo che il traffico è pressoché inesistente, ci
sentiamo quasi soli inizialmente ripensando all’inquinante e inquietante compagnia avuta per quasi
due settimane in Vietnam, ma macinando chilometri su chilometri iniziamo a goderci la corsia
“riservata” a noi e ci rilassiamo pensando più ad ammirare il panorama intorno che a guardar dritto
onde evitare di tamponare o evitare qualche altro mezzo. La terra è di un profondo rosso che tende
al marrone, rimanda a sfumature argillose e lascia pensare d’essere molto fertile, ma più procediamo
e più iniziamo a intravedere miseria e povertà intorno a noi. Conoscenza questa che si approfondirà
durante la nostra breve permanenza in Cambogia.

Abbiamo attraversato il confine senza avere alcun Rial cambogiano, giusto alcuni dollari avanzati al
confine per pagare il visto. Per cui ci ritroviamo alla ricerca di una banca per prelevare almeno il
minimo indispensabile per la giornata, fare benzina e pagarci qualcosa da mangiare e da bere nelle
pause. Attraversiamo il nulla, paesi fantasma si susseguono uno dietro l’altro ma finalmente
incrociamo il paese di Krong Svay Rieng, vedo molte banche e decido di fermarmi a provare a
prelevare. Ma non c’è niente da fare, perdiamo quasi un’ora nel mio tentativo inutile e anche sotto il
consiglio di alcuni locali tutti gli sportelli automatici non funzionano, mi tocca cambiare dei dollari.
Successivamente scopriremo che il dollaro è quasi ben accetto ovunque nel paese, praticamente
quanto la valuta nazionale nelle zone estremamente turistiche: per acquisti in zone rurali e mercati
dimenticati da Dio la moneta locale è l’unica utilizzabile e spendibile.

Fatto sta che con pochi Rial in tasca ci avviciniamo pian piano a Phnom Penh, nuvoloni neri come
la pece controvento si avvicinano improvvisamente verso di noi e ci obbligano ad indossare i vestiti
impermeabili e a procedere lentamente per molti chilometri sotto l’acquazzone. Giungiamo
finalmente a destinazione senza mai toglierci i veri e propri “pezzi di plastica” che indossiamo, la
strada poco prima della capitale è un disastro, piena di fango e di pozzanghere che ci fa penare al
nostro arrivo nella capitale.

Andiamo alla ricerca di una guest house o di un letto economico e, anche se siamo in un paese
diverso, la nostra tattica non cambia: giriamo in un paio di posti diversi e alla fine scegliamo una
comoda e spaziosa camera di una guest house per soli 15$ da dividerci in due. Ci riposiamo per
placare le fatiche della lunga giornata e ci fiondiamo a prelevare e a soddisfare i nostri stomaci
brontolanti. Scegliamo un ristorantino tipico e proviamo una nuova cucina che ci ispira sin da
subito, io prendo un piatto di riso con mango e pollo, il mio compare il Lok Lak (cubetti di carne
con verdure) con aggiunta di un uovo, squisitissimo. Andiamo a dormire con l’idea che la nostra
permanenza a Phnom Penh sarà molto breve, giusto un giorno per visitare ciò che di meglio può
offrire per poi scappare immediatamente verso la meta più attesa di tutto il viaggio: Siem Reap e la
sua fantastica Angkor.

Il diario di bordo segna “Day 25”, ma il calendario ci riporta a considerare i giorni che trascorrono
traslandoci in una dimensione che il viaggio ci sta facendo dimenticare: è il compleanno di Cristian!
Mi sveglio e inizio a picchiare amichevolmente il mio compare, oramai siamo assieme da quasi un
mese, ventiquattro ore su ventiquattro e proviamo un sentimento bipolare reciproco di odi et amo.
Che bello festeggiare un compleanno in una situazione di questo tipo! Vivere un’esperienza come
questa che stiamo affrontando aiuta nell’avviare alcune riflessioni e considerazioni sulla propria
vita, Cristian non se le lascerà scappare!

Usciamo dalla guesthouse e decidiamo di lasciar riposare le nostre moto per una giornata intera, ora
ci servono le gambe per girare in lungo e in largo per la città. Iniziamo molto male, fa caldo e non
siamo molto abituati a queste temperature. Il viaggio in moto rinfresca sempre anche a velocità
piuttosto basse, in aggiunta la breve tappa ad Ho Chi Minh City ci graziò con una giornata piuttosto
mite e gradevole. Ci facciamo forza e ci armiamo di tanta acqua, iniziamo a camminare e ad
ammirare pagode e templi da forme abbastanza diverse rispetto a quelle vietnamite: esse sono senza
dubbio costruite in maniera più spigolosa e con colori molto accesi e contrastanti. Proseguiamo
avvicinandoci al Mekong, ci perdiamo nelle sue vie chiuse per lavori in corso e verso pranzo ci
ritroviamo in un mercato centrale della città, molto vivo e attivo che ci invoglia a fermarci per avere
un pasto e ripararci da un acquazzone improvviso. Ci immergiamo nell’atmosfera magica che solo i
mercati riescono a darti, quella che ti fa apprezzare i diversi modi di lavorare locali e notiamo, non
senza stupore, che alcuni occidentali che lavorano qui pranzano vicino a noi.
Aspettiamo del tempo prima di muoverci a causa di un violento acquazzone e ci avviamo al
National Museum, il quale non ci lascia affatto stupefatti. Non usufruiamo mai di una guida o di
audio guide e questo sicuramente riduce la nostra percezione di ciò che visitiamo, ma molto
sinceramente questo museo merita poco. Facciamo giusto qualche foto ad alcuni vasi e statue di

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte
10° Tappa, Ho Chi Minh – Phnom Penh.

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

“American Lok Lak”, uno dei piatti tipici cambogiani.

terracotta millenarie che risiedono qui grazie al mito di Angkor, semplicemente spostate dal loro
luogo d’origine per creare vari punti turistici in giro per il Paese. Proseguiamo poi verso il Royal
Palace, proprio durante la sua riapertura pomeridiana e l’accumulo di tutti i turisti arrivati lì poco
prima di noi. Lascio a Cristian l’onere dell’acquisto dei biglietti ed attendo seduto su di una panchina
ad ammirare tutte le varie scolaresche cambogiane presenti, sicuramente il Palazzo reale è uno dei
siti più importanti della Cambogia. Procediamo ed entriamo in questa residenza neanche troppo
grande accompagnati da grandi nuvoloni che inquietano i nostri spiriti, la nuvoletta maledetta di
Fantozzi ci perseguita e tormenta, diventerà una costante, ma a tratti siamo contenti di queste
ventate di freschezza inaspettate che ci fanno ricordare di essere ai tropici. Camminiamo alla rinfusa
intorno ai vari edifici presenti nel perimetro, continuiamo a lasciarci affascinare dalle strutture
diverse delle pagode cambogiane, più che altro dai loro colori accesi e allegri. Scattiamo varie foto
di rito e video e terminiamo il giro sotto la pioggia ammirando la Silver Pagoda, ubicata all’incirca
al termine del percorso.

Torniamo alla guest house verso metà pomeriggio per rinfrescarci e riposarci un poco, terminata la
pennichella ci dirigiamo verso il mercato turistico principale della città. Arrivati in loco, come ogni
volta, ci lasciamo trafiggere dalla bellezza del mercato locale. Quest’ultimo, anche se dedito più
che altro alla vendita al dettaglio di prodotti turistici, ci lascia molto stupefatti rispetto agli altri
mercati finora visitati. Le viuzze all’interno sono strette e non ci lasciano il tempo di focalizzare e
renderci conto di dove siamo, ogni metro cambia la bancarella e dal lato opposto nell’altro senso
passa qualcuno a darci (o forse siamo noi) una spallata. Finalmente, come in un piazzale di un
villaggio antico, arriviamo nel bel mezzo del mercato e da lì abbiamo pieno orientamento;
scegliamo alcune bancarelle che vendono braccialetti e bandierine da attaccare agli zaini. Facciamo
i nostri dovuti acquisti e poco prima che rivenga a piovere riusciamo a tornare a casa, gli zaini
aspettano di essere molestati con colla e toppe/bandiere di paesi da noi visitati. Il mio, senza contare
la toppa “europea” che equivale ai vari paesi visitati vicino a casa, arriva a 12 grazie ai nuovi
inserimenti di Cambogia – Thailandia – Laos.

Finito il lavoro da artisti è tempo di iniziare a pensare che cosa fare durante la serata, il giorno dopo
ci aspetta il viaggio verso Siem Reap ma abbiamo voglia (e bisogno) di festeggiare un poco per il
compleanno di Cristian. Mangiamo un boccone nello stesso ristorante della sera prima e
successivamente ci dirigiamo verso il centro dei divertimenti cittadino. Una volta arrivati ci
accorgiamo di quanto sia presto per l’apertura dei locali, per cui per rimediare al nostro anticipo
ammazziamo il tempo facendo qualche partita di biliardo in un bar e, come ogni volta dall’inizio del
viaggio, riesco a battere ripetutamente il mio compare, anche nel giorno del suo compleanno che
dovrebbe essere il suo giorno fortunato.

Finite le varie partite ci inoltriamo nella discoteca prescelta, ma subito cambiamo idea in quanto
essa è veramente piccola. Allora entriamo in un’altra lì vicino, questa è grande e già
sufficientemente popolata, ma ci rendiamo subito conto che ci sono più prostitute che normali
frequentatori. Ci buttiamo nella mischia e iniziamo a ballare, Cri ovviamente è in una delle sue
serate magiche: balla, si agita, inizia a sudare e a fare versi strani, balla latino anche se la base
musicale consiglia movenze diverse, tira spallate e conversa in arabo con un gruppo di coreani. Ci
divertiamo per circa mezz’oretta, stupendoci del fatto che le suddette prostitute non si siano mosse
di neanche un centimetro, ferme al bancone del bar aspettano che siano i clienti a fare la prima
mossa. Stufi dell’ambiente ce ne andiamo prima del previsto, Cristian ne è sicuro anche dopo le mie
ripetute richieste. Quindi è ora di dormire, tuc tuc verso casa per una dormita prima dei 300
chilometri che ci attendono.

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

Royal Palace e la tempesta in arrivo.

Finalmente lo possiamo dire, Road to Siem Reap!! Angkor Wat e altri bellissimi templi ci stanno
aspettando, è dall’inizio del viaggio che ci lasciamo incantare dalle foto cercate sul web ma adesso
ci stiamo dirigendo veramente lì. Ce ne andiamo con il dispiacere di non aver potuto visitare il
Museo del genocidio, il quale è testimone delle barbarie compiute dal governo di Polt Polt e dai
suoi Khmer rossi. La visita di un giorno ha obbligato a delle scelte, purtroppo.

Prima di lasciare la città dobbiamo riparare la scocca di ferro della moto di Cristian, si è spezzata
durante l’arrivo nella capitale due giorni prima. Un fabbro ce la ripara nell’arco di mezz’ora e
prendiamo la strada verso Siem Reap. L’inizio è molto bello e coinvolgente, facciamo il pieno di
benzina e guidiamo in strade desertiche dal colore rosso acceso, larghe e che trasmettono sicurezza,
ma nella prima metà del viaggio incontriamo 40 chilometri di strada totalmente dissestata.
Ovviamente qui non siamo gli unici, essa è l’unica diretta verso Siem Reap e vediamo dondolare tra
le varie buche anche tutti i bus pieni di turisti. Forse meglio in sella ad una moto e avere il pieno
controllo del mezzo piuttosto che patire il mal di bus sapendo di andare nella tanto sognata meta. Ci
fermiamo almeno un paio di volte per rifiatare prima di pranzo pensando di averle viste tutte sulle
strade vietnamite, ma ora ci dobbiamo ricredere. Da varie fonti, websites e chiacchiere varie con
altri viaggiatori, ho avuto modo di apprendere che le strade della Cambogia, ma specialmente del
Laos, non saranno molto gentili; ma tempo al tempo e avremo modo di scoprirlo coi nostri occhi,
buca dopo buca.

Giusto quando gli stomaci iniziano a borbottare, ci ritroviamo nell’unica città degna di nota della
giornata, Krong Kampong Chhang. Qui parcheggiamo le moto vicino al mercato piuttosto vivo e
scegliamo due bancarelle una di fianco all’altra. Nella prima mangiamo dei noodles, imito Cristian
nell’aggiunta di vari ingredienti puntando il dito verso alcuni dei pochissimi vassoi presenti. Nella
seconda bancarella prendiamo un caffè, cosa da non ripetere più in questo paese… Corro alla ricerca
di un bagno e mi ritengo molto fortunato di trovarne uno in condizioni decenti. Caffè o no, già
covavo qualcosa da qualche giorno, debolezza e mal di testa regnavano nel mio corpo già da Ho
Chi Minh City.

Smaltito il mio malessere procediamo spediti per l’ultima parte del viaggio giornaliero, strade dritte
e noiose ma almeno in ottimo stato ci separano dall’arrivo. Per cui ci dedichiamo ad alcune foto da
Royal Palace e la tempesta in arrivo.
poser e ci rilassiamo in sella alle nostre Honda, accovacciati o quasi sdraiati su di esse. A
pochissima distanza dall’arrivo una delle rotelle dei nostri contachilometri fa l’ultimo scatto prima di
una cifra tonda, segna 3000 e mi fermo sul ciglio della strada per una foto, Cristian invece si fa i
selfie con una mucca.

Arriviamo nella zona prescelta delle guest house e al secondo colpo ne troviamo una eccezionale,
6$ da dividere in due con A/C e letto matrimoniale, piuttosto piccola ma tenuta bene e pulita.
Facciamo una doccia e ci volatilizziamo in moto per ammirare Angkor Wat con le luci del tramonto,
non facciamo il ticket-abbonamento per l’ingresso ma ci accontentiamo solamente di una breve gita
per renderci conto di quello che visiteremo nei prossimi tre giorni, quantità di tempo che riteniamo
più che sufficiente per un discreto giro della zona. Cena veloce al Night Market e il mio compare se
la ride perché ordino un succo di carota, non sono ancora al massimo ed evito la classica birra
serale.

A parte la guest house, che ci sembra più che accettabile, decidiamo di non badare troppo a spese
per il nostro soggiorno qui a Siem Reap. Sono troppi giorni che mangiamo quasi esclusivamente
cibo di strada, inutile tentare di risparmiare in quanto questa cittadina è ultra competitiva e i
negozi/ristoranti battagliano tra di loro per accaparrarsi più clienti possibili, tirando giù i prezzi.
Facciamo una nutrita colazione stile americana vicino alla guest house, dopo di che siamo pronti per
andare verso la biglietteria a comprare i nostri 3 days tickets, al costo di 40$. E’ una spesa
importante qui nel Sud-Est Asiatico, ma con questo importantissimo biglietto si ha la possibilità di
entrare in tutti i diversi templi di questo sito enorme. All’ingresso di ognuno di essi vi è presente una
o più guardie che controllano il possesso del ticket, ma per avventurarsi a zonzo tra di essi non è
necessario. In ogni caso, pensandoci bene, ci rendiamo subito conto che il prezzo non è poi neanche
così caro, in Italia si paga pressoché la stessa cifra per visitare gli Uffizi o i Musei Vaticani, ma
solamente in giornata.

 

Angkor, che nella lingua madre significa “Capital City, è stata la capitale dell’impero Khmer che
durò dal 9° al 15° secolo d.c. Angkor sicuramente è stata una città ultra-popolata, nel periodo di
massimo sviluppo ospitava città di gran lunga più popolose di quelle europee. Per affrontare
un’escursione perfetta vi consiglio di affittare un tuc tuc giornaliero che vi porti di tempio in tempio
rispettando i vostri tempi. Accordandovi ad inizio giornata sul prezzo da pagare poiché esso sarà

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte
11° Tappa, Phnom Penh – Siem Reap.

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

In arrivo a Siem Reap.

sicuramente più basso rispetto a vari spostamenti con tuc tuc diversi. Coi miei occhi ho visto
persone affittare le biciclette, nel caso non foste un minimo allenati ve lo sconsiglio: la tratta Siem
Reap-Angkor conta almeno 8chilometri solo andata, fate voi i dovuti calcoli aggiungendo il fattore
“calore”. Inoltre vi consiglio di procurarvi una guida, il posto merita e comprenderlo appieno è
necessario per dare un senso ai soldi spesi per arrivare fino a qui, fate un ulteriore sacrificio e non
badate a spese. Non fate come noi, testardi made in Italy, che pur di risparmiare su qualsiasi cosa
possa essere possibile risparmiare si sono accodati più volte a gruppi di spagnoli o
americani/inglesi, rimediandoci più volte figuracce ma non facendoci più di tanto peso.

Entriamo come la sera precedente nel perimetro principale, lasciandoci il tempio di Angkor Wat alla
nostra destra e pensando di riservarcelo per ultimo in modo da poterlo esplorare con molta calma.
Tiriamo dritto e attraversiamo un gate con statue che rappresentano delle guardie a far da barriera ai
lati, prima dell’ingresso vero e proprio. Una volta entrati dentro al complesso di Angkor Thom, che
ospita vari templi all’interno, accompagnati da alcune scimmie parcheggiamo la moto di fronte al
tempio di Bayon. Facciamo i numerosi scalini presenti per entrare nel mezzo della struttura e ci
lasciamo avvolgere dalle 216 facce presenti. Questa è la quantità di volti raffigurati, ognuno di essi
orientato in una delle 4 posizioni meridiane a simboleggiare il controllo sul territorio. E’
impressionante la maestosità e l’accuratezza con cui fu costruito, girovaghiamo quasi perplessi e
sbigottiti per quasi un’ora provando ad ascoltare le guide di altri gruppi di turisti, ci scambiamo
poche parole talmente siamo impegnati ad usufruire del grande dono del senso della vista. Ci
ritroviamo per l’ennesima volta nel centro della struttura e incontriamo la famiglia spagnola
conosciuta pochi giorni prima a Cu Chi Tunnels, scambio qualche parola con loro e
successivamente decidiamo di uscire per andare a visitare altro, ma sicuramente ci ritorneremo per
darci un’altra occhiata. Il Complesso di Angkor Thom ospita numerosi siti, proseguiamo alla vicina
terrazza degli elefanti che porta ad un tempio altissimo, e per visitarlo siamo invitati a coprirci
siccome siamo vestiti con delle semplici canottiere. Per fortuna abbiamo i nostri k-way con noi, li
indossiamo giusto all’ingresso per poi rimuoverli a debita distanza dai controllori. Fa un caldo
torrido, io cammino con la lingua di fuori e perdo litri di sudore ad ogni passo o scalino che faccio.
La vista dalla cima del tempio è mozzafiato, di fronte a noi la terrazza degli elefanti evidenzia il
cammino da poco compiuto. Tornati alla moto girovaghiamo a caso e proviamo a perderci, ma è
abbastanza semplice non perdere la retta via e decidiamo di pranzare in una delle grandi tendopoli
per turisti. Contratto con successo la pietanza e per 4$ ho una bibita, lok lak e della frutta, Cristian
invece non mangia. Proseguiamo visitando un altro tempio, successivamente incontriamo un gruppo
di monaci buddisti e scambio alcune parole con loro in inglese e scattiamo una foto tutti assieme.
Continuiamo la giornata ma concludendola piuttosto presto, ma senza non aver prima visitato alcuni
altri edifici come Ta Prohm, famoso in tutto il mondo per aver ospitato il set di Tomb Raider che
raccoglie dei piccoli templi intrecciati assieme a degli alberi cresciuti nel corso dei secoli; ma per
fare una foto decente è impresa ardua, fiumi di turisti come noi si susseguono in una marcia lenta
ma costante che quasi mai lasciano l’obiettivo libero alla macchina fotografica.

Torniamo a casa per un dovuto riposo e successivamente in zona Night Market troviamo un
ristorantino economico in cui mangiare carne e verdure alla griglia a volontà.
Iniziamo la giornata facendo colazione al Night Market, come il giorno prima facendola molto
abbondante in stile americana, riempiendoci fino a scoppiare per avere energie utili da usare per la
camminata e la sopportazione del caldo. Incominciamo visitando il tempio di Ta Keo, il giorno
prima pensavamo fosse chiuso ma ripassando nella zona abbiamo visto alcuni turisti arrancare tra
gli scalini. Visitiamo altri templi a casaccio, pranzo nello stesso posto del giorno prima, sempre
contrattando sul prezzo, e poi via con Cristian che guida per 30 chilometri per raggiungere il
lontano Phnom Kulen. Molto bello e particolare rispetto agli altri già visitati grazie alla raffinatezza
dei mosaici con cui fu costruito, si narra che siano state delle donne a costruirlo con le loro mani più
piccole e morbide rispetto a quelle di qualsiasi altro uomo, ma sinceramente la perdita di tempo tra
l’andata e il ritorno non ne vale la pena. Rientriamo pericolosamente sotto una pioggia torrenziale e
più volte urlo a Cristian di rallentare, finiamo la benzina ma a pochi metri un negozietto ci vende un
litro sufficiente per raggiungere poi una vera pompa di benzina. Rincasiamo più zuppi che mai e

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte
Bayon, seconda visita nel terzo giorno.

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

La Vista sulla Terrazza degli elefanti.

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

L’Incontro con dei monaci buddisti.

siamo costretti a cenare alla guest house, non smetterà di diluviare fino a notte inoltrata.
Al risveglio ci involiamo alle 6 del mattino per goderci Angkor Wat alle prime luci dell’alba, non
siamo i soli e molte persone sono in attesa di godersi questo speciale evento. Poco dopo si ha la
possibilità di entrare e facciamo un lungo giro attorno tutto il complesso. Costruito in 40 anni di
lunghi lavori il simbolo della Cambogia ha avuto una storia particolare: eretta inizialmente per
un’altra divinità venne, prima della conclusione dei lavori, convertito immediatamente in un tempio
buddista. Orientato a ovest invece che a est al contrario della maggior parte delle altre costruzioni
qui presenti, è circondato da un fossato utilizzato per raccogliere l’acqua piovana.

Cristian non lo lasciano entrare in una delle torrette principali poiché, con il suo costumino corto,
sembra più nudo di una lavoratrice notturna. Faccio tutto il giretto da solo mentre lui aspetta
indiavolato qualche metro più giù. Successivamente andiamo nel perimetro centrale e osserviamo
vari piccoli eventi creati ad hoc per i turisti, lasciamo una piccola offerta e ci guadagniamo un
braccialetto rosso portafortuna (che ho ancora dopo molti mesi). Continuiamo ad ammirare questa
genialità in stile Khmer ma alla fine del lungo giretto mi convinco che Bayon è molto più bello e
atipico. Torniamo a metà mattina a Siem Reap per la colazione, poi portiamo per la prima volta dei
vestiti a lavare (da quasi un mese lavavamo tutto a mano aspettando che i vestiti si asciugassero
durante la notte) e portiamo le moto a fare il cambio dell’olio. Anche questa volta dopo circa mille
chilometri di duro lavoro l’olio è nero come la pece, la sua bassissima qualità aggiunta alla poca
protezione del motore dalle intemperie ci obbligano a cambiarlo. Ma questo è un must nel Sud-Est
Asiatico, il cambio olio motore non ha gli stessi tempi europei.

Nel pomeriggio torniamo per una seconda visita di Bayon e Angkor Wat, i due templi più maestosi
di tutto il sito. Visitando nuovamente Bayon parliamo un poco con il bigliettaio lì presente,
conversazioni che sfociano nel suo mestiere e sulle sue condizioni lavorative alquanto instabili. I
controllori lavorano tutto il giorno ad intermittenza, un giorno sì ed uno no, portando a casa meno di
200$, condizioni veramente assurde per persone che hanno studiato turismo e che sanno parlare
inglese abbastanza bene, considerando inoltre il prezzo dell’ingresso e la quantità di turisti che
confluiscono qui viene da chiedersi: dove vanno a finire tutti questi soldi?
Uscendo da Angkor Wat incontriamo Federico, il ragazzo conosciuto a Bangkok, assieme a dei suoi
amici italiani. Sembra impossibile incontrare qualcuno già conosciuto all’inizio di un viaggio,
specialmente in un’area così vasta come questa, ma la casualità ha fatto sì che fosse possibile.
Grandi abbracci e incredulità tra di noi e ci accordiamo per cenare e passare qualche ora assieme
nella notte. Cena di nuovo a base di carne e verdure grigliate, il tutto condito da birre di cui
perdiamo il conto, ci salutiamo con loro in attesa del bus notturno per Bangkok, noi invece per la
partenza verso Pattaya passando il confine di Poi Pet. Si spera…

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

Angkor Wat all’alba.

diario-di-viaggio-sud-est-asiatico-su-due-ruote-quinta-parte

Handstand con Angkor Wat sullo sfondo.

Ringrazio la mia collega e amica Alessandra Russo, la quale mi ha dato tantissimi consigli e aiutato
nella fase dell’editing.

Quest’opera è soggetta alla licenza Creative Commons [Attribuzione – Non commerciale – Non
opere derivate CC BY-NC-ND], http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>