Dintorni di Hoi An: Terra Santa di My Son

Il tramonto alla Terra Santa di My Son è un scenario suggestivo per chi ama bei thriller. È pieno dei sentimenti arcani, taciturni e un pò spaventosi. L’inspirazione di passato e fantasma degli antichi è in agguato tra i torri. Si tratta di un tipico esempio di scambio culturale e l’unica prova di una civiltà asiatica scomparso, My Son- una terra caduta nell’oblio diventata un luogo turistico notabile nei dintorni di Hoi An.

 

dintorni-di-hoi-an-terra-santa-my-son

1.    My Son- un luogo ideale per turisti “curiosi”

Il complesso monumentale di My Son si trova nella provincia di Quang Nam, a circa 70 km dalla città di Da Nang, nel Vietnam centrale. My Son era il principale luogo di culto dei sovrani del regno Champa, nonché il luogo dove venivano cremati dopo la loro morte.Il regno del Champa del popolo Chăm, fiorì nell’attuale Vietnam centro-meridionale tra il VII e ilXV secolo ed ebbe il suo apogeo nel IX e X secolo.Declinò gradualmente sotto la costante pressione espansionistica del Dai Co Viet. Tra il VII e il XV secolo il regno del Champa incluse le moderne province vietnamite di Quảng Nam, di Quảng Ngãi, di Bình Định, di Phú Yên, di Khánh Hòa, di Ninh Thuận e di Bình Thuận. Le tracce del regno mantiene ancora a queste province.
Il regno comprendeva anche le zone montuose ad ovest della pianura costiera e si estese in alcuni periodi sino a zone dell’odierno Laos, ma la sua prosperità si basò essenzialmente sul commercio marittimo e i principali insediamenti si trovavano presso la costa.
La traccia più antica di monumenti di culto a My Son è la stele con iscrizione del IV secolo in cui il re Bhadravarman annunciava la fondazione di un tempio dedicato a Shiva Bhadreshvara dell’Induismo. Śiva (devanagari शिव; adattato in Shiva), è una divinità maschile ed uno dei culti principali dell’Induismo.Shaiva setta di induismo (il Champa è un esempio) considera Shiva è il Dio supremo.Shiva è di solito adorato in forma di Shiva linga (organo sessuale maschile).
La predominanza dell’Induismo nella religione dei Cham si interruppe per un periodo tra il IX e il X secolo, quando una dinastia di Indrapura adottò il Buddhismo Mahayana come propria religione ufficiale. L’arte buddhista del monastero di Dong Duong, nell’attuale provincia di Quang Nam. I primi influssi islamici iniziarono dopo il X secolo, ma fu solo dopo il 1471 che tale influenza crebbe rapidamente.

dintorni-di-hoi-an-terra-santa-my-son

2.    Un tesoro dell’architettura, religione e cultura
My Son è forse il sito archeologico più misterioso in Indocina. La grande maggioranza della sua architettura fu distrutto dai bombardamenti degli Stati Uniti in guerra (50/70 torri sono distrutti).
Il complesso del tempio di My Son è considerato uno dei più importanti complessi di templi dell’induismo nel sud est asiatico e spesso confrontato con altri complessi di templi storici come Borobudur di Giava in Indonesia, Angkor Wat in Cambogia, Bagan di Myanmar e Ayutthaya in Thailandia.Se da un punto di vista storico-politico la civiltà Champa fu costellata da conflitti inframezzati da cooperazioni con le popolazioni di Giava, dei Khmer cambogiani e dei Viet risiedenti nel nord del Vietnam, artisticamente la scuola di Cham allargò gradualmente la sua influenza nel settentrione fino alla cosiddetta Porta dell’Annam e nel sud fino alla Cocincina.
I maggiori centri della produzione artistica furono le varie capitali delle provincie e gli artisti della scuola di Cham si dilettarono principalmente nella scultura di rilievi, di statue e nell’innalzamento di strutture e di templi, alcuni dei quali a scopo puramente decorativo, altri assumenti funzioni religiose spazianti dall’induismo al Buddismo e ad altri culti indigieni.
In particolare, il tecnico di costruzione senza malta adesiva è ancora un mistero sempre stimolando esplorazione e ricerca dei scienziati appassionati.

dintorni-di-hoi-an-terra-santa-my-son

Ayutthaya in Thailandia

3.    La struttura del complesso
Degli 11 gruppi di monumenti conosciuti, il più antico è il gruppo E, che risale allo VIII secolo. Il complesso cessò di essere utilizzato a scopi cultuali nel XIII secolo.Architettonicamente, i templi e le tombe si My Son è una convergenza di stili diversi. Gli storici dell’arte hanno classificato il patrimonio architettonico e artistico di Champa in sei stili artistici o fasi di sviluppo:E1 (8 ° secolo), lo stile di Hoa Lai (da fine del 8  all’inizio del 9 ° secolo), lo stile di Dong Duong (da fine del 9 ° secolo all’inizio del 10 ° secolo), A1 (10 ° secolo), il tipo di transizione (all’inizio 11 ° secolo allametà del 12 ° secolo) e lo stile di Binh Dinh (da fine del 11 ° secolo all’inizio del 14 ° secolo).
Ci sono 4 tipi dei edifici:
–    Un Kalan è un santuario in mattoni, in genere sotto forma di una torre, utilizzata per ospitare una divinità.
–    Un mandala è un corridoio contiguo voce con un santuario.
–    A Kosagra o “fire-house” è una costruzione, in genere con un tetto a forma di sella, utilizzato per ospitare gli oggetti di valore appartenenti alla divinità o di cucinare per la divinità.
–    Un Gopura è una porta-torre che conduce in un tempio complesso murato.

Nel 1999 l’UNESCO lo ha inserito tra i patrimoni dell’umanità.My Son è recuperato grazie al progetto dell’UNESCO sostenuto dal governo italiano valutato 800.000USD.

 

dintorni-di-hoi-an-terra-santa-my-son
4.    Qualche informazione utile:
 
–    I biglietti: I visitatori vietnamiti: 1 EUR/persona, iI visitatori stranieri: 2 EUR/persona, iI bambini sotto i 12 anni: gratis.
–    Gli orari di apertura sono dalle 06h30 alle 16h00.
–    Il tempo a My Son è appropriato ai tutti periodi e nell’anno.
–    Non dimenticare di portare l’ombrello e capello quando andarci, fa molto caldo e il sole è molto forte.
–    My Son è pìu bello a tramonto, la luce è debole e la visione diventa pìu fantastica.
–    La moto e pullman sono due mezzi buoni per andarci, ci vuole 2 ore da Hoi An o Da Nang.

Reportage da Minh Truong

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *