Le 8 cose rendono Phnom Penh speciale

Non a caso il francese chiama Phnom Penh, la capitale della Cambogia, la “Perla dell’Asia”. Trovato tra Saigon e Bangkok, due città più grandiose dell’Indocina, Phnom Penh sembra essere sottosviluppato, ma la sua bellezza non è inferiore. Spieghiamo le attrazioni di una delle città più cara del Sud-est asiatico, che è spesso dimenticata nel viaggio di esplorare l’Indocina.

1. La posizione geografica più favorevole della sotto-regione del Mekong

Phnom Penh si trova alla confluenza dei fiumi Bassac, Tonle Sap e Mekong, proprio come ogni grande città del mondo. Dopo essere fuggito dalla distruzione del popolo thailandese, il reale cambogiano venne a Phnom Penh e si rese conto del vantaggio dei corsi d’acqua e della fertilità della terra. Inoltre, i Khmer non possono vivere lontano dalla loro più grande offerta di cibo: il Tonle Sap. Phnom Penh è a 7 ore di macchina da Saigon e Sihanoukville, l’antica capitale di Siem Reap, all’incirca nello stesso tempoo. È difficile per qualsiasi città cambogiana avere una posizione così strategica.

le 8 cose rendono phnom penh speciale

2. Il clima tropicale tipico

Phnom Penh ha due stagioni: umida (da maggio a settembre) e secca (da ottobre a marzo). Ma in ogni stagione, Phnom Penh è anche abbastanza piacevole per gli europei dai venti del Bassac River che soffiano sulla città. Il sole è secco durante il giorno ma la notte è fredda come il tempo autunnale.

3. Phnom Penh significa collina di signora Penh

Secondo la leggenda, alla fine del XIV secolo, la capitale Khmer era ancora ad Angkor. Quando raccolse legna da ardere lungo il fiume, Penh inseguì un koki galleggiante sul fiume e lo raccolse. All’interno dell’albero, trovò la statua di quattro statue di Buddha e una statua di Vishnu. Questa scoperta è considerata una divina benedizione, indicando che la capitale sarà trasferita a Phnom Penh da Angkor. Per commemorare quel segno, Penh installò una piccola collina sulla riva occidentale del Tonle Sap e costruì una pagoda, ora chiamata Wat Phnom, a nord del centro di Phnom Penh. “Phnom” Khmer significa “collina” e Penh prende il nome del fondatrice.

le 8 cose rendono phnom penh speciale

4. La città più carina dell’Indocina

I francesi arrivarono in Indocina alla fine del XIX secolo e Saigon fu la prima città che costruirono secondo gli standard di una città europea, poi Hanoi, il piccolo Parigi. Phnom Penh è l’ultimo investimento ma il più radicale. I francesi lo hanno pianificato da zero non solo dal centro, ma anche dalla città di Phnom Penh, secondo l’esperienza che hanno ottenuto da Saigon e Hanoi. Guardando la mappa di Phnom Penh, puoi vedere la sagacia, la scienza del blocco e il modo in cui le strade sono collegate. Oggi, mentre guidi macchian a Phnom Penh, ti senti ancora le piccole strade di Parigi.

le 8 cose rendono phnom penh speciale

5. Il picco dell’architettura coloniale

I francesi sono molto orgogliosi del loro livello architettonico e costruttivo fino a quando giungono in Cambogia. Il livello di costruzione dei Khmer non è inferiore a quello dei suoi colleghi greci o romani. I francesi furono davvero persuasi e ammirarono la classica architettura Khmer, nella misura in cui li applicarono e li incorporarono molto abilmente in opere pubbliche a Phnom Penh, in cui il Palazzo Reale e il Museo Nazionale Gia sono due esempi. Negli anni ’50, il re Sihanouk diede il via al movimento “New Khmer Architecture” che combina lo stile Bauhaus, l’architettura postmoderna europea e gli elementi tradizionali di Angkor.

le 8 cose rendono phnom penh speciale

6. Phnom Penh era più sviluppato

Prima che i Khmer Rossi prendessero il potere dal generale Lon Nol, Phnom Penh era abbastanza pacifico durante la guerra dell’Indocina. I cambogiani sono neutrali e il paese ha avuto il tempo di svilupparsi dagli anni ’50 al 1975. Sfortunatamente, il genocidio dei Khmer rossi ha fatto sprofondare il paese nelle parti meno sviluppate del sud-est asiatico. Una generazione di intellettuali cambogiani morti nel genocidio e ha perso a una cultura.

7. La città di una memoria addolorata

Molte città in tutto il mondo sono devastate dalla guerra e dalla catastrofe. Ma Phnom Penh fu distrutto dai cambogiani stessi. In pochi mesi, le persone della città sono state evacuate nelle zone rurali, hanno lavorato costrettamente nei campi di concentramento. La scuola fu trasformata in una prigione e un luogo di tortura fino alla morte di dissidenti politici. Phnom Penh è ancora ferite con lo segno nella prigione di Toul Sleng e ricordi di sopravvissuti cambogiani.

le 8 cose rendono phnom penh speciale

8. Città di Chinatown

Oggi non è difficile riconoscere la presenza densa dei cinesi in Cambogia, in particolare a Phnom Penh. I cinesi sono qui dal XVIII secolo e sono diventati una grande comunità a Phnom Penh. I cinesi sono diminuiti drasticamente durante i Khmer rossi fino agli anni 90. Negli ultimi anni, i cinesi sono tornati e hanno investito pesantemente nell’economia cambogiana. Vengono qui dal vivo, parlano cinese e vivono in un modo che è ovunque i cinesi sono presenti.

le 8 cose rendono phnom penh speciale

Minh Sunday

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *