La pagoda di Tran Quoc – la pace dentro città affollata

Rappresentando uno delle pagode più antiche del Vietnam, la pagoda di Tran Quoc (guardiano delle nazioni) è stata riconosciuta un patrimonio culturale nazionale, costruita nel sesto secolo durante la prima dinastia di Ly. All’inizio, la pagoda fu chiamata la pagoda di Khai Quoc (fondatore delle nazioni), poi fu cambiata il proprio nome tante volte. Fino adesso, la pagoda ottiene molti nomi, tra cui il più popolare è la pagoda di Tran Quoc.

C'era un volta, in pagoda di Tran quoc...

C’era un volta, in pagoda di Tran quoc…

La pagoda si trova in una isoletta dentro il lago Ovest, che viene considerato come il lago d’acqua dolce più grande ad Hanoi, alla fine della via di Thanh Nien. Davanti al portone, si scrivono tre parole “Phuong tien mon” (nel buddismo, è un insegnamento per la gente di accorgersi la propria sincerità, perché non si può esprimerla tramite le parole, i pensieri mondani). L’architettura della pagoda è la combinazione tra l’antichità, l’imponenza e l’eleganza in un lago calmo e trasparente. Nel giardino della pagoda, c’è un albero di bodhi, che rappresenta un regalo del presidente indiano per il Vietnam. Inoltre, la pagoda possiede tante torri sia grandi dia piccole, molti santuari e statui di buddha, tra cui, il più preziosa è la Statua di Buddha sdraiato sulla Nirvana.

files.php

Nel passato, gli alberi coprivano soprattutto i suoi dintorni, mentre oggi ci sono tante ville e le strutture moderne, il che fa diventare questa zona più dinamica e affollata. Tuttavia, dentro la pagoda è uno spazio completamente diverso. Ascoltando il sussurro della gente d’intorno, la mormora del vento attraverso le foglie sugli alberi oppure il suono di un campagna di legno, si siede nel giardino della pogada. Le persone possono sentirsi il ritmo della vita moderna, memorizzare un po’ quella nel passato e godersi la purità dell’anima e il calmo della pagoda. A volte, la gente viene alla pagoda solo per cercarsi questa pace che non si sente mai nella vita quotidiana molto caotica.

Al di più, andare alla pagoda è anche un’usanza dei vietnamiti. Normalmente, si arriva alla pagoda spesso il primo e il 15 ogni mese (secondo il calendario lunare) e il capodanno per fare il culto e pregare la fortuna, la salute a sé e alla propria famiglia. I vietnamiti, però, possono venire alla pagoda in qualsiasi momento vogliono per esprimere il proprio rispetto verso il Buddha e godersi la pace in una città impegnata.

L'ingresso della pagoda.

L’ingresso della pagoda.

In occasione di visita questa zona, la gente può entrare in un ristorante per assaggiare un piatto tipico tradizionale della gastronomia della cittadella di Thang Long, la torta di gamberetti, molto famoso e buono, chiunque vuole provarla al meno una volta nella vita.

banh-tom

La torta di gamberi

Reportage da Minh Thu

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *