La vita è un viaggio

Qualcuno disse: “La vita è un viaggio” e probabilmente, una volta che si decide di partire, bisogna andare lontano. Per questo ho scelto la capitale Hanoi che è lontana più di 1000 chilometri da dove sono nato e cresciuto. Così, dopo aver detto addio alla mia città Dac Lac, me ne sono andato al Nord per iniziare la mia carriera. Mi sento fortunato perché posso fare il lavoro che piace a me, cioè IT, posso assaporare il ritmo frenetico della vita quotidiana e posso fare tante nuove esperienze camminando per le strade di Hanoi.

 

La - vita - è - un - viaggio

Abbiamo cominciato a prepararci per questo viaggio tre mesi prima della partenza ordinando le uniformi scolastiche per i bambini, raccogliendo fondi e aiuti vari da ogni parte e, in particolare, ricevendo regali da turisti europei.

Mi ricordo l’estate scorsa quando ero ancora studente: io e gli altri ragazzi eravamo tutti così eccitati all’idea di fare i volontari nei lontani paesi del Sud. Questa estate invece? La mattina al lavoro e la sera al letto. Ma non basta certo un comodo e ben retribuito lavoro d’ufficio a frenare la mia voglia di fare volontariato e così ho deciso di partecipare a un viaggio di beneficenza organizzato di Asiatica Travel. Abbiamo cominciato a prepararci per questo viaggio tre mesi prima della partenza ordinando le uniformi scolastiche per i bambini, raccogliendo fondi e aiuti vari da ogni parte e, in particolare, ricevendo regali da turisti europei. Ogni giorno dopo il lavoro, classificavamo le cose donate, preparavamo gli spettacoli ecc. e, man mano che si avvicinava la partenza, ero sempre più agitato. Fino a quando, finalmente, arrivò il giorno della partenza.

Percorremmo molti tornanti per raggiungere Che La, un paesino del distretto di Xin Man in provincia di Ha Giang. Gli insegnanti del collegio ci accolsero raccontandoci le piccole storie della scuola e condivisero con noi la difficoltà che avevano nell’invogliare i bambini ad andare a scuola; poi i bambini vennero attorno alla nostra macchina indicandoci e parlando in dialetto. La tranquilla e frizzante atmosfera di montagna richiamò dentro di me la visione degli Alti Piani e finalmente, dopo tanto tempo, potei ammirare il cielo stellato in tutto il suo splendore.

 

la- vita- è - un - viaggio -1

Sembravano così «adulti» sotto quei cappelli flosci giungla che li riparavano dal sole lungo la strada per la scuola e di sicuro queste uniformi li renderanno più allegri nel nuovo anno scolastico.

Cominciò un nuovo giorno: i bambini si alzarono molto presto perché erano stati abituati così fin da piccoli dai genitori che li facevano lavorare ai campi assieme a loro. I maschietti, in particolare, giravano attorno alla nostra macchina senza mai smettere di chiacchierare e le femminucce saltavano con la corda. Quella mattina portammo i regali alla scuola di Nang Miu (che distava 6 chilometri dal collegio). La strada era fangosa a causa della pioggia della sera precedente e, in alcuni tratti, mi pareva addirittura che la macchina si capovolgesse. Mi rendevo sempre più conto di quante difficoltà attraversassero ogni giorno gli insegnanti di qui e di quanto fosse ancora impervio il percorso di alfabetizzazione nei paesi remoti del Vietnam. Non mi sono mai sentito così felice come quando vedevo i bambini agitarsi nelle loro nuove uniformi e li sentivo ridere mentre prendevano i quaderni. Sembravano così «adulti» sotto quei cappelli flosci giungla che li riparavano dal sole lungo la strada per la scuola e di sicuro queste uniformi li renderanno più allegri nel nuovo anno scolastico. Una vera e propria esplosione di gioia aveva colpito quella piccola scuola. Mi ero totalmente immerso nei loro canti e suoni. Quel pomeriggio organizzammo attività divertenti al collegio: gonfiare palloncini, la danza del pollo, il calcio, i giochi di gruppo… Il nostro autista era molto contento e ben disposto a dare un passaggio in macchina a quei bambini che già dal giorno prima non stavano più nella pelle. I bambini erano stati divisi in due gruppetti per questo «piccolo viaggio» e, una volta in macchina, ci guardavano, parlavano con noi e ci cantavano delle allegre canzoncine.

Tornato ad Hanoi, la mia mente è ancora pervasa dagli emozionanti ricordi di quel viaggio.  Un sincero grazie ai cari bambini: i vostri sorrisi sono stati per me un regalo davvero prezioso. A presto!

la - vita - è - un - viaggio -2

La mia mente è ancora pervasa dagli emozionanti ricordi di quel viaggio

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *